Museo Civico di Sinnai

Mi piace (facebook)
logo facebook: visita la pagina Facebook del Museo Civico di Sinnai
condividi sui social network
FacebookMySpaceTwitterLinkedinPinterest

  • Diminuisci la dimensione del testo
  • Torna alla dimensione predefinita
  • Aumenta la dimensione del testo


il tema profano

Il tema profano insiste in particolare su alcune tematiche che per l'artista diventano una sorta di archetipo, tra queste il soggetto del nudo - in particolare quello femminile - trattato talvolta con dolcezza di linee e senso delle proporzioni di impronta classica, in altri casi stilizzato in forma estrema. Anche il nudo maschile riveste interesse per l'artista - si veda il Centometrista del 1946 o il Monumento ai caduti di Carbonia del 1954 - che esprime così il movimento e i mutamenti del corpo umano in preda alla fatica.

Il movimento √® punto centrale della sua poetica e si esplica in particolare nel tema ricorrente della danza. Numerosissime sono le immagini di svelte figurette femminili che nei suoi bassorilievi campiscono lo spazio con scioltezza e armonia. I riferimenti stilistici sono innumerevoli: da Degas, a Monet, a Toulouse-Lautrec ma anche C√©zanne e Matisse. Una delle allegorie pi√Ļ riuscite utilizzate dall'artista √® quella del Don Chisciotte. Il personaggio simboleggia l'uomo-artista (lo spunto autobiografico √® evidente) che in uno stato di perpetua alienazione, continua a lottare contro i mulini a vento, conscio dell'incapacit√† dell'eletto di abbassarsi alle debolezze del tempo presente. √ą forse questa una delle ultime propaggini del clima decadente del Novecento, secolo nel quale D'Aspro visse e che interpret√≤ dal profondo nei suoi insanabili dissidi. Anche la Sardegna costituisce un'importante fonte di ispirazione. Dai cavallini della Giara nasce la passione dell'autore per il tema del cavallo che riproposto in movimento o in stasi, malato o nel pieno della vigoria fisica, trascende poi dallo spunto di ispirazione locale, per rappresentare quasi un tema a s√©.

il tema profano