Museo Civico di Sinnai

Mi piace (facebook)
logo facebook: visita la pagina Facebook del Museo Civico di Sinnai
condividi sui social network
FacebookMySpaceTwitterLinkedinPinterest

  • Diminuisci la dimensione del testo
  • Torna alla dimensione predefinita
  • Aumenta la dimensione del testo


le commissioni

D'Aspro fu uno scultore particolarmente apprezzato in vita. Numerosi e importanti furono i premi, i riconoscimenti, le commissioni di istituzioni religiose e pubbliche. In Sardegna, infatti, molte località sono segnate dai suoi monumenti. Solo a Cagliari i più famosi e conosciuti sono: il Sant'Ignazio di fronte al Convento dei Cappuccini in viale Sant'Ignazio; la Caravella e la Madonna sulle onde sul sagrato della Basilica di Nostra Signora di Bonaria; la Madonnina del Carmine sul campanile dell'omonima chiesa in viale Trieste; un crocifisso e il busto di Giovanni Tommaso Porcell all'Istituto di Anatomia dell'Università; il busto di Verdi al Conservatorio "Pierluigi da Palestrina", il chirurgo Ligas e il chirurgo Garau all'Ospedale Civile; la Pietà, un Cristo e una coppia di sposi, rispettivamente nelle Cappelle Re, Argiolas e Rossi nel Cimitero monumentale di Bonaria; un motociclista per la cappella Pedota del cimitero di San Michele e il "traforo" raffigurante l'agricoltura per la Banca d'Italia. Per Alghero creò la Vergine Stella Maris eretta sui bastioni del molo nel 1957. A Carbonia furono innalzati negli anni Cinquanta il Monumento ai caduti e la Madonnina dei minatori sul colle di Rosmarino; a Oristano si trova il bassorilievo in pietra per l'Istituto della madre e del fanciullo; a Sardara due fontane pubbliche; nelle piazze di Villamassargia, Elmas e Milis sono collocati i Monumenti ai caduti. Sue opere sono conservate a Napoli, alla Galleria d'arte moderna di Avellino, ad Ascoli Piceno e alla Galleria comunale di Mondovì, suo paese natale. In queste opere, frutto appunto di precise indicazioni della committenza, D'Aspro si palesa come artista eclettico: lo stile delle sue Madonnine è estremamente "classico rinascimentale", mentre alcuni monumenti ai caduti - si veda per tutti quello di Carbonia - nel culto della vigoria fisica dell'uomo, si ispirano formalmente all'arte celebrativa fascista. Il passaggio dall'uno all'altro stile è fatto però con convinzione, con la sincera adesione ai mezzi espressivi di volta in volta più efficaci al fine di trasmettere un messaggio artistico di sicura immediatezza.

le commissioni