Museo Civico di Sinnai

Mi piace (facebook)
logo facebook: visita la pagina Facebook del Museo Civico di Sinnai
condividi sui social network
FacebookMySpaceTwitterLinkedinPinterest

  • Diminuisci la dimensione del testo
  • Torna alla dimensione predefinita
  • Aumenta la dimensione del testo


Presentazione del libro di Rosella Mattu dal titolo “Soru Giuseppe non saluta più! (Storie di soldati sardi nella Grande Guerra)”

Il  28 novembre 2014 presso la sala conferenze del Museo Civico di Sinnai, alle ore 17.00, ci sarà la presentazione del libro di Rosella Mattu dal titolo “Soru Giuseppe non saluta più! (Storie di soldati sardi nella Grande Guerra)”.
Si tratta di 115 racconti, raccolti in oltre 200 pagine di testimonianze e di documenti, che restituiscono alla memoria degli abitanti di Ovodda, e dei Sardi in generale, la storia della prima Guerra Mondiale così come è stata vissuta dai combattenti sardi e dalle loro famiglie.
L'autrice ha registrato per anni il racconto di decine di testimoni, anziani reduci e familiari dei caduti, ricercando scrupolosamente i riscontri  e verificando la congruenza di ogni episodio narrato con le testimonianze degli altri protagonisti e con i documenti delle fonti ufficiali.
L'obiettivo, oltre che salvare e custodire una parte importante della storia di una comunità, è  quello  di riproporre, soprattutto ai giovani, le esperienze umane e culturali di un'intera generazione di Sardi e di Italiani.
Casualmente, questo lungo lavoro si va concludendo proprio in concomitanza con la ricorrenza del centenario dell'inizio della Grande Guerra, che impone a tutta l'Europa, e non solo, una profonda riflessione sui significati e sulle conseguenze di questo evento, che ha segnato la vita e la storia degli europei e che va valutato  guardando alle prospettive dell'Europa unita.
Il testo, arricchito da fotografie e documenti dell’epoca, vuole anche essere un contributo a questo dibattito. Un contributo che, pur provenendo dalla storia locale, si inserisce a pieno titolo nella storia generale dell'Italia e dell'Europa.